Il gonfalone

gonfaloneIl gonfalone è un drappo quadrangolare, di un metro per due, del colore di uno o di tutti gli smalti dello stemma dell’ente, sospeso mediante un bilico mobile ad un asta ricoperta di velluto dello stesso colore, con bullette poste a spirale, e terminata in punta da una freccia, sulla quale sarà riprodotto lo stemma, e sul gambo il nome dell’ente. Il drappo, riccamente ornato e frangiato sarà caricato, nel centro, dello stemma dell’ente, sormontato dall’iscrizione centrata (convessa verso l’alto) dell’ente.

A destra il Gonfalone del Comune di Cazzago San Martino in Provincia di Brescia.

Ecco come deve essere un Gonfalone

La cravatta frangiata dovrà consistere in nastri tricolorati dai colori nazionali. (art. 5, R. D. 7 giugno 1943, n. 652). Per prassi invalsa, le parti metalliche del gonfalone dovranno essere: argentate per gli stemmi del Comune, d’oro per gli stemmi della Provincia e della Città.Analogamente i ricami, i cordoni, l’iscrizione e le bullette a spirale dovranno essere d’argento per gli stemmi del Comune, d’oro per gli stemmi della Provincia, e della Città.